UNSERE MILCHPRODUKTE

Die Milch von unseren Kühen wird in unserer Käserei in Käseprodukte, frische Milchprodukte und Joghurt verarbeitet. Verzichten Sie nicht auf unsere Delikatessen wie die Pannacotta, die süße Karamellcreme DolceLatte, unser Eis und das Likör des Hofes!


ONLINE SHOP

Der Online-Shop ist ein laufendes Projekt. Zur Zeit verschicken wir ausschliesslich nach Italien, aber Sie können uns ein E-Mail schicken und wir werden Ihnen ein Angebot machen.


Zum Online-Shop!

Wir arbeiten seit Jahren an der Entwicklung der A2-Milch.

Wissen Sie, was das ist?


DIE A2 MILCH

Einige Forscher und Milchproduzenten haben interessante Forschungen über die Entwicklung der Milchkühe und der Proteinen deren Milch gemacht. Der große Unterschied besteht in der Betakasein A1 und A2.


Pare che tra i 5000 e i 10000 anni fa tutte le vacche producessero latte contenente betacaseina A2, quando improvvisamente avvenne una mutazione che spinse un ceppo di esse a produrre un latte ricco di betacaseina A1; l'essere umano, che era in grado di assorbire facilmente il latte A2, non avrebbe ancora del tutto adattato il suo organismo a metabolizzare il latte A1, che avrebbe alcuni effetti collaterali e non sarebbe da considerarsi del tutto sano.

Tutto cominciò negli anni ottanta, quando alcuni ricercatori si concentrarono sul perché alcuni problemi di digestione legati al consumo di latte fossero così diffusi. In Nuova Zelanda si scoprì che tali disagi cronici erano per lo più legati alla proteina betacaseina A1.

Fondamentalmente le caseine sono delle fosfoproteine complesse, che richiedono specifici enzimi per essere metabolizzate e, a quanto pare, mentre l'apparato digerente dell'essere umano si è evoluto per produrre enzimi adatti a digerire la betacaseina A2, non sarebbe in grado di digerire con successo la betacaseina A1.

Oggigiorno, per via dei conflitti commerciali, varie ricerche indipendenti sono state avviate e, benché non risultino evidenze che relazionino con certezza il consumo di latte A1 al diabete di tipo 1, pare vero che molti disagi correlati al consumo di latte A1 sarebbero dovuti alla assenza di enzimi in grado di sciogliere la betacaseina A1.

Studi più recenti, dimostrerebbero che alcuni scarti digestivi del latte A1 sarebbero tossici o, quantomeno, non salutari, nello specifico causerebbero ossidazione dei tessuti, infiammazioni dei vasi sanguigni e avrebbero un'azione antagonista verso l'insulina, favorendo l'insorgere del diabete.

Sebbene alcuni problemi ossidativi di questo genere, legati oltretutto a deficit cardiaci, siano legati al consumo di latte tout-court e non solo a quello A1, si nota una lieve differenza tra latte A1 e A2 che favorirebbe il consumo di quet'ultimo.

La popolarità di questi studi, l'interesse dell'opinione pubblica e la commercializzazione del latte A2 come marchio sta crescendo, tanto che anche in Europa, specie in Francia e nel Regno Unito, sempre più allevatori stanno sostituendo i loro capi di bestiame favorendo le vacche in grado di produrre latte di tipo A2.

{ Articolo tratto da curenaturali.it }